logo sdds_aps_sito

menu

II domenica Tempo Ordinario. Anno B

Gv 1, 35-42

I discepoli domandano a Gesù: ‘Dove stai di casa?’. E lui risponde: ‘Venite e vedrete’.

Alla domanda ‘dove stai di casa perché così possiamo trovarti, prendere, comprendere?’, la risposta ‘fate in voi esperienza di me. Son sempre stato lì. Vivete il distacco dalle vostre attese e dai vostri desideri, e così saprete chi sono’.

E sarà questa un’esperienza che lascerà il segno: «Erano circa le quattro del pomeriggio» (v. 39), l’ora in cui si cessava di lavorare nei campi, l’ora del riposo.

Il Dio che il nostro cuore desidera e cerca, verrà esperito nel momento in cui si smetterà di cercarlo e ‘lavorare’ per lui.

Cessato di affannarsi per lui, di voler compiere la sua volontà, di compiacerlo, di desiderarlo, solo allora se ne farà esperienza. Morto il mio piccolo dio, il Senza Nome comincerà ad essere il Vivente. Quando saranno interdette tutte le scale verso il ‘cielo’, ci si sperimenterà semplicemente parte di lui.

Conoscere Dio significherà dunque non conoscerlo: «La suprema conoscenza di Dio è conoscere Dio come sconosciuto» (Tommaso d’Aquino).

Che la nostra vita sia un abitare in silenzio ‘le quattro del pomeriggio’. Vivere un ‘riposo’ come sapersi già nel Tutto, da sempre. E lì vivere la fucina della trasformazione.

Dopo l’esperienza di lui infatti Andrea incontra Simone suo fratello (v. 41): riconosciutici parte del Tutto, si può cominciare a ricostituire ciò che era frantumato da sempre, la fraternità, infranta quando Caino uccise Abele.

Ma non solo. Simone, perché ritrovato finalmente sé stesso come parte del Tutto, e perché ristabilita l’unità fraterna può riceve il nome nuovo, Pietro: «Tu sarai chiamato Cefa» (v. 42). Scoperto il nostro Sé autentico, e ristabilita la fraternità scopriremo finalmente il nostro vero nome.